Deep

To The Bone – girato da Marti Noxon

[et_pb_section bb_built=”1″][et_pb_row][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text _builder_version=”3.0.69″ background_layout=”light” text_orientation=”left” border_style=”solid”]

  • Regia: Marti Noxon
  • Sceneggiatura: Marti Noxon

Cast:

  • Lily Collins: Ellen/Eli
  • Carrie Preston: Susan
  • Lili Taylor: Judy
  • Keanu Reeves: Dott. William Beckham
  • Alex Sharp: Luke
  • Ciara Bravo: Tracy
  • Liana Liberato: Kelly
  • Alanna Ubach: Karen
  • Brooke Smith: Olive
  • Kathryn Prescott: Anna

Ellen soffre di anoressia nervosa e viene dimessa, o meglio cacciata, dall’ospedale dove era ricoverata a causa del suo carattere provocatorio e anti convenzionale. Anche a casa però la situazione non è di alcun sostegno; il padre non la vuole mai incontrare e la madre si è trasferita con la sua nuova compagna dovendo per forza lasciarla con la famiglia adottiva che si era ritrovata. Adesso gli unici due pilastri di supporto che aveva erano Susan, la nuova moglie di suo padre e Kelly, la sua sorellastra per cui provava un affetto indescrivibile. Susan, la sua matrigna, deciderà di farle frequentare una casa di ragazzi con disturbi alimentari che come lei soffrono ogni giorno a causa di peso e calorie. Inizialmente si sentirà bene soprattutto in compagnia di Luke, l’unico ragazzo di questo gruppo che sembra essere anche quello che necessita meno aiuto. Tra i due si creerà un forte legame affettivo che sfocerà rapidamente in un sentimento che Ellen non è pronta a reggere. Presa dallo sconforto della situazione che si stava creando in quel gruppo di sostegno decise di andarsene per tornare a casa della sua madre biologica. Qui durante un’escursione troppo impegnativa a livello fisico, sverrà vedendosi sotto una luce completamente diversa. Al suo fianco apparirà anche Luke che riuscirà a convincerla a fare la scelta migliore per lei e per la sua salute. Da qui si può intuire quanto impegno lei metterà nella sua via per la guarigione e, cosa migliore di tutte, lo farà in compagnia di amici veri.

Questa volta ho deciso di raccontare più dettagli anche riguardanti il finale perché sostengo che se ci fosse mai una persone che soffre degli ED e voglia guardare questo film, lo deve fare con la consapevolezza che è a lieto fine. Un film che mi ha commossa profondamente, mi ha fatta ragionare riguardo a tanti aspetti della vita che prima conoscevo appena. Inutile dire che consiglio a tutti di guardarlo e di farlo con una certa consapevolezza, se lo avete già visto fatemi sapere come vi è sembrato. Al prossimo film…

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *