Deep

Cyberbully – girato da Charles Binamé

[et_pb_section bb_built=”1″][et_pb_row][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text _builder_version=”3.0.69″ background_layout=”light” text_orientation=”left” border_style=”solid”]

  • Regia: Charles Binamé
  • Sceneggiatura: Teena Booth

Cast:

  • Emily Osment: Taylor Hillridge
  • Kay Panabaker: Samantha Caldone
  • Kelly Rowan: Kris Hillridge
  • Jon McLaren: Scott Ozsik
  • Meaghan Rath: Cheyenne Mortenson
  • Jade Hassouné: Caleb
  • Nastassia Markiewicz: Lindsay Fordyce
  • Robert Naylor: Eric Hillridge
  • Caroline Redekopp: Karen Caldone
  • Ronda Louis-Jeune: Becca
  • Paula Jean Hixson: Detective Danville
  • Marcel Jeannin: Dr. Rilke
  • Danny Blanco Hall: Terry

Taylor Hillridge è una studentessa del liceo, passa intere giornate con le sue migliori amiche, Samantha e Cheyenne. Arrivato il giorno del suo compleanno sua madre, che ha da poco divorziato, decide di regalarle un portatile tutto suo in modo che possa avere più privacy. Entusiasta di questo regalo che è per lei un sogno che si avvera, decide di iscriversi su un famoso social network che farà ingelosire il fratello minore Eric. Costui deciderà di violare il profilo della sorella mettendola in ridicolo postando dei fatti riguardanti la sua vita personale assolutamente falsi. Da quel giorno in poi Taylor verrà bombardata di insulti da tutti i suoi compagni di scuola tra cui Lindsay e il suo gruppo di amiche perfide. In breve tempo si scatenerà un vero e proprio attacco di gruppo di cyberbullismo conto la giovane adolescente che, nonostante cercasse in ogni modo di difendersi e di ignorare quei commenti sgradevoli, non regge il confronto con i suoi coetanei. Spinta dall’odio che i suoi compagni provano verso di lei decide di agire in modo estremo e di dare un taglio radicale alla situazione diventata ormai insostenibile. L’unica via per sfuggire a quel branco di lupi sarebbe stato il suicidio, ma è qui che avviene qualcosa in lei che la spinge a rimettersi in sesto per affrontare il mondo. Taylor vuole liberare il mondo, ma prima di tutto la sua scuola, da quell’orribile virus che è il cyberbullismo. Ci riuscirà? Fallirà? Verrà ascoltata o avrà bisogno di aiuto? E se così fosse chi sarebbe disposto a dargliene dopo tutto quello che si diceva sul suo conto?

Vi consiglio vivamente di scoprirlo guardando questo film del 2011, un lungometraggio che mi ha colpita molto per il mondo deciso e conciso con cui vengono esposti i fatti. Mostra al mondo quali sono i commenti che vengono rivolti ogni giorno ad alcuni di noi sui social, ma sopratutto mostra come affrontarli. Vi consiglio di guardarlo attentamente e se lo avete già visto di farmi sapere come vi è sembrato. Al prossimo film….

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *